Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa utilizzo di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per fruire del sito è necessario acconsentire o modificare le impostazioni del proprio browser. Per saperne di piu leggi l'informativa sulla privacy.

   Il Premio letterario Piga, ormai alla sua 5^edizione, il 7 giugno 2019 è tornato con una importante novità.

Nato nel 2013-2014 per far emergere, attraverso la scrittura, talento e creatività, quest’anno ha visto infatti la partecipazione anche delle classi di alcune scuole medie: accanto ai tredici candidati liceali erano ben diciotto i giovanissimi concorrenti provenienti dall’Istituto comprensivo “Loru” di Villacidro e dall’Istituto comprensivo “Fermi-Da Vinci” di Guspini. La cerimonia di premiazione, iniziata alle 17.30 si è conclusa, dopo una serata veramente intensa, alle 19,30, quando sono stati proclamati i vincitori. Per la sezione prosa del Liceo si è classificata al primo posto, con il racconto intitolato La rosa della vita, Rebecca Alberghina, al secondo Filippo Marras e al terzo Francesco Portas; per la sezione poesia è risultata vincitrice Victoria Tuveri con la poesia Traguardi, mentre al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Alexandra Carboni e Ilaria Mautone. Il primo posto della sezione prosa, riservata agli studenti della Scuola media, è stato conquistato dal racconto L’amore non è bastato di Jada Corda della Scuola media “Loru” di Villacidro, mentre il secondo  da Letizia Cadeddu dell’Istituto comprensivo “Fermi-Da Vinci” di Guspini, al terzo   un’ altra alunna dell’Istituto “Loru”, Alessia Fonnesu. I testi in gara sono stati selezionati dalla giuria composta dal Prof. Duilio Caocci, docente di Letteratura italiana e Letteratura sarda presso la Facoltà di Studi Umanistici dell’Università di Cagliari, che ha proposto una puntuale analisi critica dei testi in concorso, dalle Prof.sse Graziella Perria e Angela Sollai, coordinatrici del concorso letterario, e dalla Prof.ssa Bruna Spiga. A fare gli onori di casa il Dirigente Scolastico M.Rita Aru e, madrina dell’evento, la scrittrice Cristina Caboni, autrice di numerosi romanzi di successo tra cui, l’ultimo, La stanza della tessitrice. Come lo scorso anno lo scrittore Cristian Mannu, membro speciale della Giuria, assente per motivi personali, ha voluto comunque omaggiare alcuni concorrenti di libri da lui ritenuti significativi per la formazione di un aspirante narratore e/o poeta.